LOGO%20TONDO_edited.png
000 IMG_5179.HEIC

NOTO

Mi sento complice per aver spinto due amici ad acquistare ben 19 ettari per costruire la loro villa oltre ad alcune dependance all’interno di una coltivazione agricola di carrubi e olivi nei pressi di Noto. Ma, come loro, sono stato letteralmente stregato dalla bellezza di quel luogo di cui ammiro ogni singolo sasso e pianta, oltre che l’intrinseca bellezza della regione. Quando capita di poter realizzare un giardino dove la natura ha una tale forza? In un territorio simile, per giardino si intende l’esterno: il passaggio discreto tra le piante decorative della casa fino alla vegetazione spontanea che qui, oltre a ospitare comuni fichidindia, agavi e grandi masse di lentisco, ampelodesmo e cisto, si arricchisce di esemplari unici come i mirti leucocarpa dal frutto bianco, orchidee selvatiche di diversa specie e distese di mandragola che in primavera producono mazzi violetti e in autunno bacche profumate che ammaliano chiunque si imbatta in loro, proprio come spetta a una pianta tanto misteriosa. Progettare un giardino nel paesaggio naturale del sud della Sicilia non vuol dire disegnare “qualcosa nuovo” o studiare soluzioni per rendere più bella la natura, ma agire in punta di piedi e secondo le circostanze che rendono possibile godere il giardino seguendo le regole della Sicilia: il piacere e la cultura, l’ombra e il fresco, i profumi e i sapori. Le belle piante di questo progetto provengono da Vivai Faro. 

01 IMG_2718.HEIC
02 IMG_5206.HEIC
03 IMG_6072.JPG
06 IMG_8281.JPG
07 IMG_5394.JPG
08 IMG_5175.HEIC
010 IMG_2810.JPG
011 IMG_2685.HEIC
013 IMG_2370.HEIC
014 IMG_2400.HEIC